01.png

CISL Roma e Lazio

CISL Roma e Lazio

Dai Giornali

  • 1
  • 2
 
 
STADIO ROMA, TERRINONI-CUCCELLO (CISL ROMA-LAZIO): FATTORE SVILUPPO IMPORTANTE

(OMNIROMA) Roma, 13 Settembre 2016 - "Il progetto dello stadio a Roma è una grande opportunità per il futuro della Capitale che non dobbiamo lasciarci scappare. E’ un tema complesso, che va affrontato con competenza e serietà da tutti gli attori coinvolti, a partire dalle istituzioni, ma è un passo fondamentale per dotare la Capitale di una importante struttura sportiva, al pari delle grandi Capitali europee, e per rimettere in moto gli investimenti economici a Roma". Così, in una nota, Paolo Terrinoni e Andrea Cuccello, rispettivamente segretario generale della Cisl di Roma Capitale e Rieti e della Cisl del Lazio."Apprezziamo gli sforzi che sta facendo la Regione Lazio in tal senso, e in particolare il governatore Zingaretti - aggiungono - per garantire trasparenza, correttezza nelle procedure, legalità contrattuale per i lavoratori e un valore infrastrutturale aggiunto a tutto il quadrante coinvolto. Auspichiamo una sicura e rapida approvazione, da parte del Consiglio Comunale, della variante urbanistica per realizzare questa straordinaria occasione di sviluppo per la città".
TERREMOTO, CGIL CISL E UIL: CORDOGLIO E VICINANZA A FAMIGLIE VITTIME

(OMNIROMA) Roma, 24 Agosto 2016 - "Mentre continuano ad arrivare aggiornamenti sul l'ennesimo tremendo terremoto che la notte scorsa ha colpito l'Italia centrale, specialmente il territorio della provincia di Rieti, desideriamo esprimere tutto il nostro cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime e dei feriti e ai cittadini dei comuni coinvolti. Le nostre strutture regionali e territoriali si stanno già mobilitando per raccogliere vestiario e viveri e organizzare attività di volontariato, in coordinamento con la Protezione civile. Aderiamo all'appello lanciato dall'Avis che ha segnalato l'assoluta necessità di sangue di tutti i gruppi sanguigni per soccorrere i feriti". Così in una nota il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino, il segretario generale della Cisl del Lazio Andrea Cuccello e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio Alberto Civica.

 

 

 

COMUNE, SINDACATI: LINEE PROGRAMMATICHE, CONTRATTAZIONE PER NOI PUNTO FERMO

(OMNIROMA) Roma, 28 Luglio 2016
- "Nel leggere il documento programmatico della Giunta Capitolina, crediamo sia corretto rimandare ogni giudizio alla successiva formulazione di un piano strategico pluriennale della città che chiarisca, in modo più articolato, le scelte operative". Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino, il segretario generale della Cisl di Roma Capitale e Rieti Paolo Terrinoni e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio Alberto Civica.
"Il testo infatti - continuano - è molto generico e non indica con quali risorse e quali interventi strutturali si ipotizzino necessari per far funzionare al meglio le aziende partecipate. Emerge poi, con riferimento alle scelte strategiche rispetto alla mobilità, al ciclo dei rifiuti, al trasporto su ferro e su gomma, alle politiche urbanistiche e dell’abitare, una riduttiva visione municipale: le parole 'città' e 'area metropolitana' non compaiono mai nel documento, quando le stesse aziende partecipate andrebbero invece riorganizzate in un’ottica metropolitana. A questo proposito, la questione del loro riassetto in ambito romano e il destino delle migliaia di operatori interessati risulta sospesa: qual è l’orientamento della nuova amministrazione in merito? Appare inoltre del tutto assente un’idea di riorganizzazione della macchina capitolina che rimane per noi una delle priorità del quinquennio 2016-2021; senza nuovi dipartimenti e organi di governo, senza programmazione, coordinamento e controllo, la ristrutturazione dei servizi pubblici faticherà a decollare". "Rileviamo dal documento - aggiungono - una sostanziale sottovalutazione della necessità di riqualificare i 24mila dipendenti di Roma Capitale: compare soltanto nel capitoletto sulle risorse umane qualche sporadica iniziativa di formazione, mentre rimane ancora tutta da definire la questione del salario accessorio. Salario accessorio e riconoscimento delle professionalità sono elementi imprescindibili per il rilancio di quella che è una delle più grandi aziende pubbliche d’Italia.
Sottotraccia resta anche l’idea che dovrebbe presiedere al futuro dei municipi: non s’intravedono riferimenti a indirizzi generali o scelte di bilancio e organizzative che puntino alla loro valorizzazione, mentre nel capitolo dedicato alle azioni da intraprendere in ambito sociale colpisce vedere indicata tra le priorità la costruzione di una città 'a misura di bambino’. Ci ricorda qualcosa di già sentito. E sappiamo come è andata. A noi basterebbe, tanto per iniziare, che Roma diventasse una città più ‘umana’. Dopo Mafia Capitale - dicono ancora i sindacalisti - ci aspettavamo, seppur nella genericità delle linee programmatiche, un richiamo a un cambiamento strutturale che riguardasse tutti i settori rispetto ai fenomeni di corruzione, con scelte radicali e improntate sulla trasparenza in tema di appalti, affidamenti e così via: se ne parla in modo esauriente solo nel capitolo dedicato all’urbanistica ed edilizia, quasi a confinare entro specifici limiti fenomeni corruttivi di ben più ampia pervasività. Ci siamo forse persi qualcosa?"
"Noi crediamo fortemente che per cambiare il presente occorra pensare al futuro - concludono - Nella nostra conferenza di programma 'Per Roma' del 9 maggio scorso, abbiamo indicato una serie di punti, per noi prioritari e che tali dovrebbero essere anche per l’amministrazione capitolina, che presuppongono un’idea precisa di città. Abbiamo rimarcato la necessità di ridurre la pressione fiscale, troppo elevata, e di definire opportune aliquote fiscali per garantire maggiore equità e progressività fiscale anche nell’accesso ai servizi a domanda individuale e nel pagamento di altre tasse e tributi; di realizzare il patto antievasione con l’Agenzia delle entrate; di intervenire nelle periferie con opere infrastrutturali nell’ottica di una riorganizzazione urbana, implementando i servizi pubblici e privati e favorendo la nascita di centri culturali e di aggregazione; di completare le grandi opere (già in esecuzione o solo progettate) e aprire un nuovo ciclo edilizio basato sul recupero, sulla riqualificazione e sull’impiego di nuova tecnologia, pianificando opportuni interventi per le infrastrutture immateriali, materiali e sociali; di potenziare infine il welfare locale, realizzando una vera cooperazione fra assistenza territoriale e offerta sanitaria. Ragionare di tutto questo, significa anche ragionare di lavoro e di qualità del lavoro. Ci sembra invece che al documento manchi una chiara visione strategica, mentre notiamo riapparire la magica parola 'spending review', salvifica formula che rimanda alla logica dei tagli lineari. Il progetto complessivo dovrà misurarsi con un grande sforzo di partecipazione, pure evocato dal documento ma in modo un po’ fumoso. La contrattazione rimane per noi un punto fermo".

 

 

 

RIFIUTI, SINDACATI: NO A RIAPERTURA MALAGROTTA

(OMNIROMA) Roma, 27 Luglio 2016
- "La chiusura di Malagrotta è stata una conquista. La soluzione all'emergenza rifiuti non è dunque riaprire quel sito. Sarebbe sbagliato. Significherebbe fare un passo indietro. Le alternative ci sono: potenziare la raccolta differenziata, costruire impianti e infrastrutture per chiudere il ciclo, magari immaginando partnership con altre aziende pubbliche. Se si ritiene che il management di Ama non sia adeguato, lo si cambi. Ma si trovi una soluzione, possibilmente in tempi rapidi". Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino, il segretario generale della Cisl di Roma Capitale e Rieti Paolo Terrinoni e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio Alberto Civica.

 

 

 

WELFARE, CISL LAZIO: FINALMENTE LA DIREZIONE GIUSTA

(OMNIROMA) Roma, 26 Luglio 2016
- La Cisl del Lazio "accoglie con favore i 291 mln di euro di Fondi Sociali Europei, di Fondi Nazionali e di Fondi Regionali, che la Regione ha deciso d’investire sul welfare".
"Una cifra simile rafforza l’organizzazione e l’efficacia dell’intero sistema dei servizi sociali della Regione Lazio - si legge nella nota di Andrea Cuccello, Segretario Generale Cisl Lazio- Tutto questo è diretta conseguenza della legge regionale approvata dieci giorni fa grazie al contributo delle organizzazioni sindacali, all'impegno costante dei lavoratori e dei pensionati e al lavoro sinergico fatto dal presidente Zingaretti e dalla sua giunta. Sia le risorse impegnate che la legge sono elementi necessari per creare le condizioni che rendono il Lazio una regione più giusta e più attenta al disagio e ai bisogni concreti delle persone".

 

BENI CONFISCATI, SINDACATI: PROTOCOLLO TASSELLO IMPORTANTE DIFESA LEGALITÀ

(OMNIROMA) Roma, 26 Luglio 2016
- "Abbiamo sottoscritto oggi pomeriggio con il Tribunale di Roma il nuovo Protocollo d’intesa per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla mafia. Un tassello importante per la difesa della legalità in quanto è evidente, alla luce di quanto successo negli ultimi anni e che le cronache quotidiane continuano a confermare, che il territorio romano è tuttora fortemente pervaso dalle infiltrazioni mafiose che affondano le loro radici nel tessuto sociale e economico della capitale e dell’area metropolitana”. Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino, il segretario generale della Cisl di Roma Capitale e Rieti Paolo Terrinoni e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio Alberto Civica.“Questa firma, che prende anche atto del risultato pienamente positivo del primo biennio di applicazione del protocollo sottoscritto con gli altri soggetti interessati, è doppiamente importante perché sposa il principio della legalità con il rispetto dei diritti dei lavoratori che loro malgrado e senza alcuna colpa vengono coinvolti nei sequestri delle aziende. Una gestione proficua dei beni e delle aziende sequestrate significa, almeno per la parte che attiene alle organizzazioni sindacali, confrontarci con i responsabili dei beni confiscati e con le istituzioni al fine di valutare un percorso virtuoso capace da un lato di garantire la prosecuzione dell’attività economica, dall’altro la salvaguardia dei lavoratori occupati. In questo senso, nel protocollo viene sancita la necessità, per noi fondamentale, di agire affinché non solo ai lavoratori venga garantita la piena tutela contrattuale ma anche, qualora si rivelasse necessario, di aprire appositi percorsi formativi finalizzati all’aggiornamento professionale e alla ricerca di eventuali nuove opportunità di lavoro”.

 

 

METALMECCANICI, SINDACATI: ARRIVARE A RAPIDA DEFINIZIONE VERTENZA

(OMNIROMA) Roma, 20 Luglio 2016 - "Oggi in piazza del Campidoglio le tute blu hanno concluso un'ulteriore, importante tappa della loro mobilitazione per il rinnovo del contratto e il contrasto alla diffusione di appalti e gare al massimo ribasso e alla crisi del settore dell'informatica. Chiediamo alle istituzioni, alla Regione e all'amministrazione capitolina di aprirsi al confronto con i rappresentanti sindacali di Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil per discutere della vertenza a livello territoriale e arrivare a una sua rapida definizione entro settembre". Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino, il segretario generale della Cisl di Roma Capitale e Rieti Paolo Terrinoni e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio Alberto Civica.

Guarda il video del presidio in campidoglio sul canale youtube della CISL di Roma Capitale e Rieti

 

WELFARE, CGIL CISL E UIL: BENE APPROVAZIONE LEGGE SUL SOCIALE, ORA SI APPLICHI 

(OMNIROMA) Roma, 16 Luglio 2016 - "Grazie all'impegno costante, alla mobilitazione dei lavoratori e dei pensionati e al lavoro sinergico fatto dal presidente Zingaretti e dalla sua giunta con le organizzazioni sindacali e' stata approvata la legge regionale sul sociale. Una legge attesa da 16 anni che mette finalmente al centro la persona e investe sul welfare. Ora bisogna attivarsi per applicarla fino in fondo così da poter ampliare nei territori i servizi ai cittadini e alle persone più svantaggiate nonché migliorare il sistema dell'accoglienza e favorire l'inclusione vista l'emergenza immigrazione a Roma". Così in una nota il segretario generale della Cgil di Roma e Lazio, Claudio Di Berardino, il segretario generale della Cisl del Lazio, Andrea Cuccello, e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio, Alberto Civica.



NIZZA, CGIL-CISL-UIL: COMMEMORAZIONE PER DIRE NO A VIOLENZA E TERRORISMO

(OMNIROMA) Roma, 15 Luglio 2016
- "Abbiamo pensato di promuovere questa commemorazione perchè non bisogna rinchiudersi e bisogna avere il coraggio di lanciare un messaggio per la convivenza e l'inclusione, contro ogni forma di territorismo e violenza".
Così il segretario della Cgil di Roma e del Lazio Claudio di Berardino in occasione della commemorazione indetta dalle sigle sindacali territoriali per le vittime della strage di Nizza.
Affianco a lui, per deporre la corona di fiori ai piedi dell'ambasciata francese, Paolo Terrinoni, segretario Cisl Roma e Rieti che ha detto: "Il significato di questa giornata è esprimere fratellanza con il popolo francese perchè questo è un atto di pura follia" e Alberto Civica segretario Uil Roma e Lazio che ha aggiunto: "Siamo qui in segno di solidarietà alle vittime di questa e di tutte le stragi, per dire no a qualsiasi forma di violenza e terrorismo".

 

DROGA, TERRINONI (CISL ROMA): URGE RIAVVIARE CONFRONTO CON AMMINISTRAZIONE

(OMNIROMA) Roma, 14 Luglio 2016 - "Apprendere dalle agenzie di stampa che, secondo l’allarme lanciato dalla comunità Ceis di Don Picchi, l’unico futuro dei giovani romani risiede sempre di più nella droga è semplicemente agghiacciante e ci deve far riflettere tutti, molto seriamente, come istituzioni, parti sociali e comunità, sulle terribili e devastanti conseguenze della crisi economica e della mancanza di lavoro di questi ultimi anni". Così, in una nota, Paolo Terrinoni, segretario generale della Cisl di Roma Capitale e Rieti.
"D’altronde il quadro delineato dal Ceis trova riscontri anche nei dati in nostro possesso. Secondo le nostre stime, infatti, rileviamo che i giovani senza lavoro e non inseriti in un circuito formativo, i cosiddetti Neet (Not in Education, Employment or Training) compresi tra i 15 e i 29 anni di età, sono sempre di più. Parliamo di quasi 152mila ragazzi nella provincia di Roma, di cui oltre 97mila solo nel Comune di Roma. Sono tanti, troppi. E altrettanto troppe, e disperate, sono le famiglie coinvolte. E’ più che mai urgente, quindi, alla luce di questi fatti, che si aprano al più presto tavoli di confronto con l’amministrazione su temi fondamentali come lo sviluppo, la crescita, per riavviare un’economia locale che è al collasso. Lo sviluppo e la crescita, così come la creazione di nuovi posti di lavoro, sono temi sui quali il sindacato confederale chiede di essere ascoltato e su cui attende da tempo un confronto serio e strutturato. I romani, le famiglie, i giovani non possono più attendere: Roma ha bisogno di ripartire e il lavoro e la crescita sono le fondamenta sulle quali abbiamo il dovere, come parti sociali, di lavorare insieme all’ amministrazione", conclude.

 

REGIONE, SINDACATI: CONSIGLIO APPROVI LEGGE SU SOCIALE IN TEMPI RAPIDI

(OMNIROMA) Roma, 13 Luglio 2016
- "Approda al Consiglio regionale del Lazio il Pdl 88/2013 'Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio'. A tre anni dall’avvio del percorso, si avverte stringente la necessità di una regolamentazione chiara dei servizi sociali regionali, partendo dall’integrazione socio-sanitaria, che consenta l’avvio di quei percorsi virtuosi che da troppi anni attendiamo. Dalla definizione del Piano sociale regionale fino all'introduzione di un modello più efficace di assistenza domiciliare, sono diversi i settori che attendono da anni una cornice normativa utile a dare risposte concrete ai bisogni dei cittadini. In questo senso sollecitiamo il presidente del Consiglio regionale, i capigruppo e tutti i consiglieri regionali a dare l’impulso necessario affinché il pdl 88 sia approvato dal Consiglio nei tempi più rapidi e si riesca a voltare pagina su uno dei settori più delicati del nostro territorio". Così in una nota i segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil Claudio Di Berardino, Andrea Cuccello e Alberto Civica.

 

RINNOVARE I CONTRATTI. RILANCIARE LA CONTRATTAZIONE PER UNA CRESCITA FONDATA SULLA VALORIZZAZIONE DEL LAVORO. SPECIALE ATTIVI UNITARI DI CGIL CISL E UIL 12 LUGLIO 2016

Roma, 12 luglio 2016. "Si può creare un nuovo paese che ritrovi nel lavoro la sua centralità, il lavoro non è solo un fattore di costo tra i tanti, il lavoro sono le persone, donne e uomini che portano il loro contributo nelle aziende". Lo ha detto a Roma la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, aprendo l'attivo unitario delle delegate e dei delegati di Cgil, Cisl e Uil dal titolo "Rinnovare i contratti. Rilanciare la contrattazione. Per una crescita fondata sulla valorizzazione del lavoro". "Pensiamo che la contrattazione non prevede solo il giusto compenso ma che dia dignità e sviluppo alle aziende in cui lavorano uomini e donne", prosegue Furlan. "Giorni fa abbiamo incontrato i nuovi vertici di Confindustria: nei toni e negli obiettivi possiamo intravedere una possibilità di dialogo, stiamo riscrivendo il sistema delle relazioni industriale" - ha continuato la Segretaria generale Cisl - "Dobbiamo ora andare avanti verso una conclusione positiva dei contratti aperti e dei tavoli". "Il blocco dei contratti influisce negativamente sul Pil del paese, sulla crescita, sulla dignità del lavoro" - ha aggiunto Furlan - Inoltre "Siamo preoccupati per la scarsa attenzione che il governo dà al ruolo della Pubblica Amministrazione. Quello della Pa dovrebbe essere il tema priorità del governo perché parliamo di un'ampia platea di lavoratori, sono quelli che offrono i servizi al paese. E’ un elemento di rilancio del paese, il governo si impegni su obiettivi e indirizzi, su investimenti maggiori, sulla partecipazione dei lavoratori. Per la Segretaria generale della Cisl si deve far diventare “ la contrattazione in questo settore produttivo, la modalità in cui si definiscono obiettivi condivisi.

Guarda sul canale youtube della CISL di Roma Capitale Rieti lo speciale sugli attivi unitari di CGIL CISL e UIL del 12 luglio 2016 con gli Interventi di Annamaria Furlan, Segretario Generale della CISL, Roberto Chierchia, Seg. Gen. CISL FP Roma e Lazio, Alessandro Faraoni, Seg. Gen. FISTEL CISL Roma e Lazio, Carlo Costantini, Seg. Gen. Fisascat CISL Roma e Lazio, Reno Ostili, Seg. Gen. FIM CISL Roma e Lazio.

 

 

RIFORME. LA CISL SI CONFRONTA: "SERVE STABILITà PER FAR RIPERTIRE L'ECONOMIA"

11 Luglio 2016 -"Instabilità e confusione non servono, abbiamo bisogno di assetti istituzionali e tempi legislativi che diano certezza allo sviluppo del paese" ha dichiarato la Segretaria generale della Cisl, Anna Maria Furlan, a margine della tavola Rotonda  'Le riforme costituzionali per la democrazia, la crescita e lo sviluppo del Paese' organizzata dalla Cisl per discutere di quanto anche le riforme costituzionali possano incidere sull'andamento dell'economia del Paese. "In questo momento - ribadisce Furlan - abbiamo bisogno di stabilità per far ripartire l'economia.  Siamo in un momento particolare che deve essere di svolta in Europa e per il nostro Paese - ha spiegato commentando le dichiarazioni di Confindustria secondo cui il voto negativo al referendum costituzionale porterebbe alla recessione. "Per questo servono interventi mirati agli investimenti, al lavoro e concentrati sull'economia reale".  Per Furlan "non c'è dubbio che l'instabilità porterebbe a danni, ma è anche vero che la stabilità da sola non basta, deve essere mirata alla politica economica che deve essere impostata a investimenti e crescita". Tra i partecipanti all'iniziativa svoltasi presso l’ Hotel Radisson Blu di Roma, oltre al Segretario confederale Maurizio Petriccioli che ha aperto i lavori, il Vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli, Lega Nord, che ha sostenuto le ragioni del No al referendum di autunno e Debora Serracchiani, vicesegretario Pd, che spiegato invece le ragioni del Sì. Intervenuta anche la Miniistra per le Riforme Costituzionali e per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi. Ha chiuso i lavori la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan. Moderatore del dibattito il giornalista del Tg 5, Giuseppe De Filippi. "Tutti noi siamo coscienti del grande valore della nostra carta costituzione, ma non è un testo sacro e inviolabile" ha sottolineato Maurizio Petriccioli, segretario confederale della Cisl, aprendo i lavori del convegno. "La Cisl ha organizzato questo dibattito per contrastare la superficialità che assegnerebbe un atteggiamento disinteressato e passivo da parte dei cittadini", ha aggiunto Petriccioli ricordando come la Cisl abbia sempre seguito queste tematiche "con la convinzione che istituzioni efficienti siano la condizione necessaria per creare crescita e sviluppo. Auspichiamo che questa riforma possa portare miglioramenti ma il dibattito  - osserva Petriccioli - sta scadendo in una strumentalizzazione politica, per questo siamo molto preoccupati".

Guarda il video, con l'intervento sulle riforme costituzionali, del Segretario Generale della CISL, Annamaria Furlan, sul canale youtube della CISL di Roma Capitale Rieti

 

 

 

 

SINDACATI, CISL LAZIO: MACERONI ENTRA IN SEGRETERIA E BLASIK RESPONSABILE DONNE

(OMNIROMA) Roma, 08 Luglio 2016 - “La Cisl del Lazio guarda avanti e implementa il suo staff dirigenziale per rispondere meglio alle esigenze dei lavoratori e dei territori, nel solco del rinnovamento impresso dalla Cisl confederale. Il Consiglio generale, che si è riunito questa mattina a Roma, ha infatti proposto e approvato l’ingresso in segreteria di Pietro Maceroni e ha nominato Eva Blasik responsabile del Coordinamento Donne ". Lo comunica, in una nota, la Cisl del Lazio.
"Entrambi - prosegue la nota - sono sindacalisti di grande esperienza e spessore umano. Pietro Maceroni arriva dalla Ust Cisl di Frosinone dove ha ricoperto, con responsabilità e passione, il ruolo di segretario generale per undici anni, mentre Eva Blasik, che si è dimessa dalla segreteria regionale, è da sempre vicina alle tematiche del sociale e dell'immigrazione. Nella sua relazione, Andrea Cuccello, segretario generale della Cisl del Lazio, ha offerto un'ampia disamina del panorama sociale ed economico europeo e nazionale, sottolineando come sia importante ricostruire le condizioni per lo sviluppo e la crescita. Riguardo alle questioni più interne al sindacato Cuccello rileva che la Cisl di domani dovrà sapere come 'sviluppare sul territorio progetti integrati di proselitismo, mettendo insieme il livello verticale e orizzontale, e dando inizio ad una grande campagna di formazione specifica per gli operatori. Serve più prossimità per stare meglio sul territorio e creare nuovi ponti con le persone - ha concluso il sindacalista - per il bene futuro della nostra organizzazione'. Pietro Maceroni, appena eletto, ha sottolineato il clima di grande armonia che ha trovato nell'assemblea, e ha posto l'accento su come l'affiatamento tra le persone, sia la precondizione necessaria per fare cose importanti sul territorio. Ha concluso i lavori il segretario confederale Maurizio Petriccioli, il quale, rispetto alle tematiche sindacali emerse nel corso dei lavori del Parlamentino laziale, ha ribadito come, il luogo di lavoro e il territorio, siano il baricentro della rigenerazione di un sindacato come la Cisl. Il Consiglio generale della Cisl laziale ha infine decretato l'ingresso, nel Collegio dei Probiviri regionale, di Francesco Faustinella”.

 

 

IL CONSIGLIO GENERALE DELLA CISL DI ROMA APPROVA IL DOCUMENTO CONCLUSIVO CHE RIBADISCE IL PIENO SOSTEGNO AL LAVORO DI RINNOVAMENTO E RIORGANIZZAZIONE, VOLUTO ED ACCOMPAGNATO DALLA NOSTRA SEGRETARIA ANNAMARIA FURLAN.

Roma 5 luglio 2016 - Con la Brexit è emerso come sia stata costruita l’Europa della moneta e della finanza e non gli Stati Uniti d’Europa, l’Europa della gente, dei cittadini, del lavoro e del sociale. Non l’Europa economica che invece serve. Lo schema Inglese è forse solo la punta di un iceberg che ribolle sotterraneo attraverso le formazioni xenofobe ed antieuropee che trasversalmente percorrono una linea di congiunzione tra Francia, Germania, Spagna e Italia. In questi ultimi giorni segnali sempre più chiari, ci dimostrano come qualcosa si stia muovendo e forse l’incontro Merkel, Hollande e Renzi è l’inizio di una nuova fase che dopo aver deciso unitariamente, le modalità di uscita della Gran Bretagna, dovrà necessariamente affrontare i temi che possono mettere a rischio l’esistenza stessa dell’Unione.

Scarica la versione integrale del documento conclusivo approvato dal Consiglio Generale della CISL di Roma Capitale Rieti

 

CISL ROMA. CRISTINA BELLUCCI RESPONSABILE COORDINAMENTO DONNE

(DIRE) Roma, 5 Luglio 2016 - "Cristina Bellucci e'' la nuova Responsabile del nostro Coordinamento Donne. Sposata, due figlie, di origini umbre, Bellucci e'' una dirigente sindacale della First regionale laziale, la categoria dei bancari della Cisl, dove da diversi anni non solo ricopre un analogo incarico ma cura con passione tutte le tematiche del lavoro legate al tema della conciliazione". Lo comunica, in una nota, la Cisl di Roma Capitale e Rieti. "Oggi il Consiglio Generale che si e'' riunito a Roma ha nominato la nostra nuova Coordinatrice delle Donne- ha commentato Paolo Terrinoni segretario generale della Cisl territoriale- una dirigente di cui conosciamo da tempo le doti e la passione con cui svolge i suoi incarichi. Rispetto invece alla situazione politica e amministrativa romana, insieme ai sindacati confederali territoriali, siamo in attesa di avere un primo incontro con la sindaca Raggi, perche'' crediamo che solo avviando un percorso di relazioni sindacali serie e strutturate si potra'' dare risposte alle emergenze profonde della Capitale che sono tante e tutte gravissime". I lavori del Consiglio generale sono stati conclusi dalla segretaria organizzativa confederale Giovanna Ventura che ha sottolineato come sia urgente, anche per la Cisl territoriale, avviare una nuova fase di ascolto, informazione e dialogo non solo con gli iscritti ma anche con la cittadinanza, per diffondere piu'' informazione e piu'' consapevolezza su quanto sta accadendo nella societa''.


Guarda sul canale Yotube della CISL di Roma Capitale Rieti l'intervista integrale alla nuova Responsabile del Coordinamento Donne della CISL di Roma Capitale Rieti, Cristina Bellucci

 

 

COMUNALI, CISL: BUON LAVORO A RAGGI, ORA LAVORI ANCHE CON SINDACATI

(OMNIROMA) Roma, 20 Giugno 2016 - "Auguri di buon lavoro al nuovo Sindaco di Roma, Virginia Raggi. La CISL di Roma Capitale Rieti adesso chiede al sindaco di inaugurare una nuova stagione di relazioni sindacali che permetta di pensare ai cittadini e ai lavoratori di questa città. Il banco di prova saranno le decisioni che si prenderanno in merito alla ristrutturazione del debito, alle municipalizzate, alle gare d’appalto, per le quali auspichiamo che venga eliminato il massimo ribasso e si passi all’offerta economicamente più vantaggiosa, alla chiusura del ciclo dei rifiuti, che noi chiediamo da anni, e alla riorganizzazione del sistema dei trasporti. Per tutte queste cose il nuovo Sindaco di Roma si dovrà confrontare sia con i sindacati confederali che con le categorie che si occupano di questi temi perché rappresentano coloro che quotidianamente lavorano affinchè tutto questo sistema complesso funzioni. Si tratta di lavorare per poter instaurare relazioni sindacali serie, trasparenti e veloci, che facciano funzionare la città e permettano di riorganizzare la macchina amministrativa". Così, in una nota, Paolo Terrinoni, segretario generale Cisl Roma Capitale e Rieti.

 

 

ATAC, CGIL-CISL-UIL: PIANI RAZIONALIZZAZIONE ANTECEDENTI A RETTIGHIERI

(OMNIROMA) Roma, 16 Giugno 2016 - "Da giorni assistiamo a un'accesa discussione sulla crisi delle aziende municipalizzate, a partire da Atac. Riteniamo a questo punto doveroso precisare la nostra posizione". Così, in una nota, Claudio Di Berardino, Paolo Terrinoni e Alberto Civica, segretari generali della Cgil di Roma e del Lazio, della Cisl di Roma Capitale e Rieti e della Uil di Roma e del Lazio. "Per quanto riguarda la necessità di una maggiore trasparenza nella gestione aziendale - dicono - siamo assolutamente d'accordo con Rettighieri cui chiediamo di individuare, finalmente, le responsabilità del management. Vorremmo comunque puntualizzare come i piani di razionalizzazione e di risanamento delle aziende del Tpl, a partire da Atac, siano antecedenti all'arrivo del dott. Rettighieri. I documenti in nostro possesso, l'accordo sulla produttività dell'estate scorsa, per citare solo l'ultimo in ordine di tempo, lo dimostrano chiaramente. Passando alla questione dei distacchi sindacali, essi sono il frutto della contrattazione tra l'azienda e i rappresentanti dei lavoratori. Errori che si siano verificati nella gestione dei permessi devono essere corretti, ma parallelamente occorre accertare le responsabilità. Sarebbe inoltre oltremodo utile riaprire il capitolo sul futuro dell'azienda dei trasporti che noi vediamo nella creazione di un'azienda unica comprendente Trenitalia, Cotral e Atac, così come di un unico polo manutentivo, riducendo il numero dei consigli di amministrazione a uno solo".

Leggi l'articolo del Corriere della Sera, Cronaca di Roma, del 17 Giugno 2016, con le dichiarazioni del Segretario Generale della CISL di Roma Capitale Rieti, Paolo Terrinoni

 

 

COMUNALI, CGIL CISL E UIL: LETTERA APERTA A RAGGI E GIACHETTI

(OMNIROMA) Roma, 14 Giugno 2016
- "Un Patto per Roma tra le parti sociali e l’amministrazione comunale 'attraverso lo strumento del confronto e della contrattazione'. Una serie di temi - dal fisco alle aziende partecipate agli appalti, alla riforma della pubblica amministrazione, alle periferie, al welfare all'emergenza abitativa - sviluppati dal sindacato nel corso della Conferenza di programma “Per Roma” del 9 maggio scorso e che "dovrebbero essere trattati in modo prioritario dalla nuova amministrazione comunale". Questi i contenuti della lettera aperta inviata oggi dai segretari generali della Cgil di Roma e del Lazio, della Cisl di Roma Capitale e Rieti e della Uil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino, Paolo Terrinoni e Alberto Civica, riferisce una nota, ai candidati sindaco Virginia Raggi e Roberto Giachetti. "Occorre ridurre la pressione fiscale ormai troppo elevata, a partire dalla ricontrattazione del debito pubblico - scrivono i sindacalisti -. E occorre realizzare il patto antievasione con l’Agenzia delle entrate, riutilizzando le risorse recuperate per ridurre la pressione fiscale, incrementare gli investimenti, favorire le politiche sociali". "Le aziende partecipate - aggiungono -.sono i pilastri su cui fondare una nuova politica industriale e dei servizi nella Capitale d’Italia, a partire da Atac, Ama e Acea. I problemi non si risolvono con le privatizzazioni, ma attraverso l’efficientamento, la razionalizzazione, la semplificazione e la riorganizzazione delle aziende e del lavoro portando a compimento i processi di risanamento già avviati senza prevederne di nuovi e tutelando i posti di lavoro. Occorre completare le grandi opere (già in esecuzione o solo progettate) nel pieno rispetto delle norme prevista dal Prg e aprire anche un nuovo ciclo edilizio basato sul recupero, sulla riqualificazione, sull’impiego di nuova tecnologia, pianificando opportuni interventi per le infrastrutture immateriali, materiali e sociali e inserendo nell’agenda urbana i concetti di innovazione e smart city". "Nelle periferie - proseguono - è necessario intervenire con opere infrastrutturali nell’ottica di una riorganizzazione urbana, implementando i servizi pubblici e privati e favorendo centri di aggregazione e culturali. Bisogna inoltre ridefinire il piano regolatore sociale e sanitario, rafforzando i servizi a favore delle persone più deboli e ripensando anche alle modalità di gestione di molti servizi attualmente appaltati e il cui risultato lascia molto a desiderare. La questione abitativa, infine, non può essere più essere gestita come una materia di ordine pubblico: occorre realizzare un’effettiva mappatura sugli aventi diritto alla case popolari del Comune e dell’Ater, rilanciare un programma mirato alla costruzione e al recupero di nuovi alloggi di edilizia sociale e creare un’Agenzia per l’affitto o un altro strumento capace di far incontrare domanda e offerta per immettere sul mercato almeno il 10% degli alloggi privati chiusi (circa 125mila) attraverso opportune politiche anche d’incentivazione pubblica". "Dall'insieme di questi interventi - concludono i sindacalisti - crediamo possa arrivare la spinta per rilanciare lo sviluppo e il lavoro e per uscire dalla crisi, favorendo al contempo una redistribuzione del reddito".


ROMA CANTIERE APERTO: TERRINONI AI CANDIDATI, VA RIAVVIATO IL CONFRONTO CON IL SINDACATO

 

Roma 4 Giugno 2016 - La Capitale è al bivio, tra passato e futuro. Ed è per questo motivo che le imminenti elezioni per il sindaco sono cruciali. La città arriva a questo appuntamento dopo sette anni di crisi durissima, che ha creato nuove povertà tra i lavoratori e le famiglie più deboli, alle prese con la disoccupazione, la cassa integrazione, figli che non riescono a trovare lavoro e pensionati sempre più poveri. I cittadini arrivano a questo appuntamento sconvolti dai troppi scandali che hanno stravolto una classe politica debole che non ha saputo fare i controlli necessari per arginare quel cancro assoluto che è stato 'mafia capitale'. Errori gravi che avranno ripercussioni anche su questo voto, e non a caso molti osservatori prevedono, nella Capitale, un voto di protesta.

Leggi l'articolo integrale con le dichiarazioni del Segretario Generale della CISL di Roma Capitale Rieti, Paolo Terrinoni, su Conquiste del Lavoro del 4 Giugno 2016

 

 


COMUNE, TERRINONI (CISL ROMA): PARTE CAMPAGNA TWITTER ‘IO CISL CHIEDO AL SINDACO’

“Inizia oggi la campagna intitolata ‘Io Cisl chiedo al sindaco’ promossa dalla Cisl di Roma Capitale e Rieti, in occasione delle prossime elezioni, con l’obiettivo di diffondere, tramite Twitter, le richieste delle categorie dei lavoratori rappresentati dalla Cisl e maggiormente coinvolti dalle decisioni dell’amministrazione capitolina”. Così, in una nota, la Cisl di Roma Capitale e Rieti. “Le richieste dei lavoratori verranno portate alla ribalta tramite una video-intervista al segretario generale della categoria di riferimento, lanciata su Twitter e accompagnata dall’hashtag #ioCislchiedoalsindaco. Con cadenza quotidiana, dal martedì al venerdì, verrà caricato su Twitter un video. L’iniziativa durerà tre settimane per concludersi, entro il 5 giugno, con l’intervento del segretario generale della Cisl di Roma Capitale e Rieti, Paolo Terrinoni”. “Con questa iniziativa vogliamo dare voce ai lavoratori romani, ai pensionati, attraverso i nostri rappresentanti di categoria – commenta il segretario generale di Roma Capitale e Rieti Paolo Terrinoni -. Riteniamo che sia fondamentale, oggi più che mai, che la comunicazione sia bi-direzionale e quindi non dobbiamo solo ascoltare le proposte dei candidati-sindaci. E’ doveroso che anche loro ascoltino quello che i lavoratori, i cittadini, i pensionati, chiedono. Il compito del nuovo sindaco sarà particolarmente gravoso, viste le condizioni in cui versa Roma: noi faremo la nostra parte, ad iniziare da questa campagna che dà voce al mondo che noi rappresentiamo”


SCIOPERO, SINDACATI: SOSTENIAMO LA MOBILITAZIONE DEI LAVORATORI PUBBLICI

(OMNIROMA) Roma, 24 Maggio 2016 - "I lavoratori pubblici e quelli dei settori privati che erogano servizi di pubblico interesse sciopereranno domani in tutto il Lazio e manifesteranno in corteo nel centro di Roma in difesa della dignità del proprio lavoro. Il reiterato blocco contrattuale, giudicato peraltro illegittimo dalla Corte Costituzionale, è assolutamente inaccettabile. Che senso ha riorganizzare la macchina pubblica se non si garantisce a coloro che ogni giorno la mandano avanti un lavoro di qualità e adeguatamente retribuito? Si rinnovino i contratti e si provveda a sbloccare il turnover per dare occupazione ai giovani. Il Governo nazionale e le amministrazioni locali intervengano per sanare una stato di cose non più sostenibile. È loro dovere farlo. Domani lo chiederemo a gran voce in piazza, insieme ai lavoratori e alle categorie della Funzione Pubblica". Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino, i segretari generali della Cisl di Roma Capitale e Rieti e del Lazio, Paolo Terrinoni e Andrea Cuccello, e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio Alberto Civica.

 

PATTO LAZIO, SINDACATI: INTESA IMPORTANTE MA ORA PIANI ESIGIBILI

(OMNIROMA) Roma, 20 Maggio 2016 - “Con la drammatica crisi economica degli ultimi anni abbiamo registrato un calo negli investimenti privati e pubblici e un progressivo aumento della disoccupazione. Pertanto lo stanziamento di miliardo e 400 milioni annunciato oggi grazie all’intesa tra Governo e Regione è un fatto assolutamente importante”. Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio, Claudio Di Berardino, i segretari generali della Cisl di Roma Capitale e Rieti e del Lazio, Paolo Terrinoni e Andrea Cuccello, e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio, Alberto Civica. “L'accordo siglato - continuano - fa seguito al protocollo sottoscritto con la Regione Lazio, le organizzazioni sindacali e le parti datoriali ed è un ottimo risultato per il territorio, frutto di un modello di confronto che ha mostrato di funzionare. Se realizzato potrà davvero contribuire allo sviluppo dei territori, strappandoli all'isolamento, e alla creazione di un'occupazione qualitativamente dignitosa. In questo senso crediamo sia utile riaprire anche il capitolo della contrattazione d'anticipo. Il quadro delle opere infrastrutturali che ci è stato presentato - aggiungono - rappresenta un sostanzioso pacchetto di investimenti per opere strategiche sia ferroviarie, com'è sicuramente la modernizzazione della Roma-Lido o della ferrovia Roma-Viterbo, che riguardanti la rete viaria regionale al fine di rendere più efficiente la mobilità. Insieme a interventi che riguardino anche la ristrutturazione dell’edilizia sanitaria e il contrasto al dissesto idrogeologico, auspichiamo si dia avvio a una nuova fase nel Lazio, dove gli investimenti facciano da traino all’economia, all’occupazione e quindi anche alla ripresa del mercato interno. Condizioni, queste, indispensabili per voltare davvero pagina specie in un settore trainante come quello dell’edilizia, dove sono stati persi quasi 48mila posti di lavoro e più di 6mila imprese sono state chiuse. Il sindacato vigilerà affinché questo impegno venga onorato con le tempistiche previste. Chiediamo quindi una velocizzazione reale della messa a cantiere delle opere con un cronoprogramma, piani esigibili e altrettanto tempestive delibere attuative che recuperino almeno in parte i ritardi finora accumulati nell'assegnazione dei fondi".